Tracciare un labirinto di mais con il GPS

Labirinti effimeri, il caso del Labirinto di HORT

Labirinti effimeri, il caso del Labirinto di HORT

I labirinti effimeri sono ricavati da terreni destinati alla coltivazione di colture annuali come il mais, e sono considerati tali in quanto si sviluppano con un intreccio di sentieri delimitati da pareti naturali che rimangono in vita solamente una stagione. Questi labirinti vengono realizzati allo scopo di farli diventare un vero e proprio palcoscenico per manifestazioni ed eventi estivi.
Si sono inizialmente diffusi negli Stati Uniti e nei paesi anglosassoni, ma sono arrivati in Italia per la prima volta recentemente, in particolare in Emilia Romagna.

Il Labirinto di HORT

La HORT è una società cooperativa nata come spin-off dell’Università Politecnica delle Marche, costituita nel 2011 con lo scopo di fornire servizi in ambito agronomico con finalità tecniche, ricreative e didattiche. Dal 2012 progetta e realizza labirinti di mais nel territorio marchigiano e il labirinto di HORT può considerarsi la prima esperienza di un labirinto di mais con finalità turistica. 

“Per la trasposizione in campo del percorso del labirinto di mais, la società ha cercato un metodo innovativo che permettesse di evitare le operazioni di squadro con strumenti ottici, sostituendo le misurazioni con rotella metrica, con il GPS”

Francesca Massetani, responsabile tecnico di HORT Soc. Coop.

Il progetto 2017

Il progetto 2017

Tracciare i progetti con metodi tradizionali

Fino all’edizione 2016 per le operazioni di tracciamento sul campo dei labirinti, la HORT ha utilizzato le tradizionali tecniche degli allineamenti e squadri, realizzati con strumenti di vecchia generazione: squadro agrimensorio e cordella metrica, il che rendeva il lavoro sul campo lungo e faticoso.

Per il 2017 la HORT ha progettato il disegno con l’idea di raffigurare un tema universale e lo ha tradotto nella rappresentazione di un apparecchio radio, un antico (ma attuale) e nobile, mezzo di comunicazione che fa sentire ma non vedere.

La figura della radio con la sua complessità, si è rivelata ideale per il progetto del nuovo labirinto, al quale dona un tono attraente ed accattivante. L’aspetto della maggiore complessità del nuovo progetto lo si evince inoltre dal fatto che, secondo una stima della stessa HORT, si prevede che un visitatore medio possa compiere il tragitto all’interno del labirinto in un’ora e mezzo, percorrendo fino a 4 km, tempi e distanze che ipoteticamente possono ridursi della metà per un visitatore “infallibile”.

L'utilizzo del GPS ha portato vantaggi in termini di tempo e di accuratezza. Inoltre, la soluzione ha permesso di utilizzare agevolmente tutte le aree del campo e di realizzare forme più complesse"

Francesca Massetani, responsabile tecnico di HORT Soc. Coop.

Topcon offre la soluzione a Hort

Topcon offre la soluzione a Hort

Le maggiori difficoltà dovute alla complessità del nuovo progetto hanno spinto la HORT a cercare nuove soluzioni per la realizzazione del tracciamento sul campo. Francesca Massetani di HORT aveva le idee molto chiare su come affrontare il lavoro sul campo per l’edizione 2017, e un breve incontro in Topcon ha delineato da subito l’opzione migliore: utilizzare il GPS.

Un paio di successivi meeting con Gabriele Potenza (Product Manager di TPI) sono stati sufficienti per impostare il lavoro di rilievo del campo di mais e la successiva georeferenziazione del progetto CAD all’interno dell’ambiente grafico del software topografico Meridiana.

La strumentazione GPS che Topcon Positioning Italy ha fornito gratuitamente per il picchettamento ha garantito maggiore velocità di esecuzione e un’assoluta affidabilità e precisione delle misure nelle operazioni di trasferimento del progetto dal modello CAD al terreno. Nella fattispecie sono stati utilizzati ricevitori GNSS Topcon HiPer V e HiPer HR, entrambi dotati di controller palmari con display ad alta visibilità.

Topcon Positioning Italy, orgogliosa di aver fornito il proprio contributo al progetto, augura ad HORT di superare il record di presenze e si raccomanda di… non perdersi!

More Stories